In occasione del Giorno della Memoria, domenica 27 gennaio apre gratuitamente al pubblico il Rifugio Antiaereo di Palazzo delle Aquile, a Palermo. L’iniziativa è promossa dalla Presidenza del Consiglio Comunale, in collaborazione con il gruppo di ricerca Historia Palermo, e nasce allo scopo di mantenere viva la memoria degli eventi della Seconda Guerra Mondiale.

Il Ricovero sarà aperto e visitabile gratuitamente dalle 10 alle 18, con ultimo ingresso alle ore 17. Non è fruibile per chi ha disabilità motorie.

Sedili in pietra e mezzo metro quadrato di spazio per ciascuno: così si stava nel rifugio antiaereo ricavato alla vigilia del secondo conflitto mondiale, utilizzando cunicoli sotterranei preesistenti. In vista del pericolo di una guerra, il Comune aveva realizzato una serie di ricoveri per proteggere i civili dai bombardamenti.

Alcune canne di ventilazione provenienti dalle grondaie assicuravano l’aria, mentre una chiusura dall’interno impediva che venissero immessi gas nocivi. Il ricovero, per duecento persone, aveva tre accessi sulla piazza: due a fianco delle statue dei leoni e un altro dalla scalinata della fontana. Uno ulteriore dall’interno della portineria di Palazzo delle Aquile (quello da cui oggi si può entrare per la visita).

Foto: Historia Palermo