La Dia di Catania, in collaborazione con i colleghi di Padova, ha tratto in arresto Donatella Concas, latitante da oltre un anno. La donna si trovava nella località di Mosta, a Malta, e su di lei pendeva un ordine di carcerazione emesso nel 2015, poiché doveva scontare una pena di 3 anni e 8 mesi in seguito a una condanna definitiva per i fatti accertati nell'ambito dell'operazione "Serpe".

La 40enne è stata giudicata colpevole dei reati di partecipazione ad associazione di tipo mafioso, usura, estorsione e rapina, poiché ritenuta interna al clan dei casalesi. Appresa la condanna definitiva, ha fatto perdere le proprie tracce, rendendo vane le ricerche condotte sul territorio nazionale. In seguito ad approfondite indagini tecniche coordinate, in particolare, dal sostituto Procuratore Paolo Giovanni Luca, della Procura generale presso la Corte di appello di Venezia e svolte dalla Dia padovana, con il contributo di  Catania, Agrigento e Brescia, sono stati raccolti gli elementi di prova che ne hanno consentito l’individuazione sul territorio maltese.