È morto stamattina a Palermo Biagio Conte, 59 anni, missionario laico protagonista di numerose battaglie in difesa dei poveri e degli indigenti a Palermo dove nel 1993 aveva fondato la Missione Speranza e Carità. Da tempo era gravemente malato.

“La scomparsa di Biagio Conte lascia un vuoto incolmabile a Palermo. Anche nelle ultime ore più drammatiche tutta la città si è stretta attorno a fratel Biagio a testimonianza del valore dell’eredità umana che oggi ci lascia e che non dobbiamo disperdere. Resterà per me indimenticabile l’ultimo incontro di pochi giorni fa con Biagio Conte, durante il quale mi ha raccomandato di non dimenticare mai i poveri. Di fatto, un’eredità lasciata alla città da custodire con senso di responsabilità. È con questo spirito di che l’amministrazione e la nostra comunità devono a stare vicini alla Missione Speranza e carità che continuerà a essere un punto di riferimento per Palermo anche se da oggi dovrà fare a meno del suo fondatore, della sua guida che resterà comunque fonte di ispirazione per tutti noi”. Così il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

Addio a Biagio Conte

Biagio Conte è nato a Palermo il 16 settembre del 1963. Figlio di imprenditori edili, è stato portato a tre anni in un collegio di suore. È rientrato nella sua città a 9 anni ed è poi entrato nel collegio di San Martino delle Scale per 4 anni. A 16 anni ha abbandonato la scuola media, iniziando a lavorare nell’impresa di famiglia, ma una crisi spirituale lo ha portato nel 1983 ad allontanarsi e vivere a Firenze.

Ha deciso di vivere da eremita nel maggio del 1990. Si è ritirato nell’entroterra siciliano e, in seguito, ha fatto un viaggio interamente a piedi verso Assisi, arrivandovi nel giugno del 1991. Il viaggio è diventato noto per gli appelli della famiglia a “Chi l’ha visto?”. Biagio è tornato quindi a Palermo per salutare i familiari, intenzionato a trasferirsi in Africa come missionario, ma le situazioni di indigenza della sua città lo ha spinto a cambiare idea.

Diventato attivo nel portare conforto ai senzatetto della stazione centrale di Palermo e si è battuto per loro con proteste e un digiuno. Ha ottenuto di poter usare alcuni locali in via Archirafi e qui ha fondato, nel 1993, la Missione di Speranza e Carità, che accoglie oggi centinaia di persone. Si è fa portatore di messaggi di pace e fratellanza. Nel 2018, dopo la morte di alcuni senzatetto nelle strade di Palermo, in segno di protesta ha dormito in strada, iniziando uno sciopero della fame.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati