Questo è un piatto che amo moltissimo. 
Non solo è buonissimo ma riscuote sempre un grandissimo successo tra i miei ospiti. 
 
Lo so, qualche "purista" sta già storcendo il naso….. ma il brasato non si fa con ilBarolo????? certamente !!!!! 
Certamente ci vuole un vino tannico e il Barolo è un magnifico vino ma, dato che io sono siciliana, tendo, ovviamente, a valorizzare i prodotti della mia Terra e quindi…. utilizzo il nostro ottimo Nero d'Avola…. saporoso, profumato, corposo… insomma, pieno di qualità !!!!
Il procedimento è quello classico e vi assicuro che il risultato è eclatante. 
Il taglio di carne necessario per realizzare questo piatto è "IL CAPPELLO DEL PRETE", un muscolo, particolarmente indicato per gli stracotti. 
La carne risulta morbidissima, fondente e saporita.
Quindi ecco la ricetta!!!!!

 

Ingredienti per 6 persone

– 1 kg e 1\2 di   CAPPELLO DEL PRETE
– 3 carote
– 2 coste di sedano
– 2 cipolle grosse
– salvia e rosmarino freschi o secchi
– 10 bacche di ginepro
– 2 foglie d'alloro
– 4 chiodi di garofano
– 1 bottiglia di Nero d'Avola
– 1\2 bicchiere olio extravergine d'oliva  Villa Colonna
– 1 cucchiaino di amido di grano o farina 00
 
Procedimento:
 
– legare la carne con uno spago da cucina per fargli mantenere la forma durante la cottura
– pulire e spezzettare tutti gli ortaggi e gli aromi, tranne le bacche di ginepro
– in una ciotola mettere la carne, gli ortaggi e gli aromi, e il vino
– preparare un soffritto con 2 cipolle e l'olio extravergine e lasciare rosolare , a fuoco basso, per 5 minuti
– lasciare marinare per una notte in frigo
– sgocciolare la carne dal vino e metterla nella pentola
– soffriggere da tutte le parti la carne, per "chiuderla" in modo che i succhi non fuoriescano con la cottura
– aggiungere tutti gli ortaggi e gli aromi della marinata e coprire con parte del Nero d'Avola
– cuocere a fuoco bassissimo per 2 ore e 1\2 , girando la carne un paio di volte, durante questo tempo e aggiungendo un pò di vino della marinata, qualora si asciugasse troppo con la cottura
– togliere la carne dalla pentola e lasciare raffreddare per almeno 12 ore
– restringere il fondo di cottura aggiungendo 1 cucchiaino di amido di grano o farina 00
– togliere gli aromi e le bacche di ginepro e frullare il fondo di cottura
– affettare la carne , disporre su un piatto da portata e irrorare con il fondo di cottura