I Cammini di Sicilia hanno adesso una legge tutta per loro. Il provvedimento dell’Ars valorizza migliaia di chilometri di sentieri e percorsi interni, facendoli diventare ancora di più un’attrazione culturale e turistica. Una modalità “lenta” per esplorare le meraviglie del territorio.

Una legge ad hoc per i Cammini di Sicilia

L’Assemblea Regionale Siciliana ha varato una legge che tanti appassionati attendevano da tempo. In questo modo molti sentieri, la cui bellezza è già rinomata, potranno essere valorizzati e, dove necessario, recuperati. Un positivo passo avanti nel settore del turismo “slow” in Sicilia, con più attrazioni culturali e turistiche.

La legge porta la firma della deputata M5S Valentina Zafarana e mette a sistema, in linea con le dinamiche dei Cammini nazionali, interventi per la fruizione di questi percorsi. L’ambito dei Cammini di Sicilia, che ha già riscosso successo ben oltre i confini regionali, potrà diventare un volano culturale, economico e turistico.

Aumentano dunque le destinazioni da scoprire e le opportunità per vacanze esperienziali. Arrivano così il riconoscimento da parte della Regione dei Cammini di interesse regionale e l’inserimento degli stessi in un apposito Atlante regionale, che offrirà agli utenti informazioni complete e coordinate, su proposta di associazioni e altri soggetti che curano la gestione.

Dall’Atlante dei Cammini a un Coordinamento Regionale

La legge prevede anche l’istituzione di un Coordinamento regionale. Avrà il compito di fare da tramite tecnico-scientifico fra i Cammini, i loro gestori e fruitori, e l’assessorato al Turismo. «La legge approvata – spiega Zafarana – è frutto di un’importante collaborazione con gli operatori dei cammini, che desidero ringraziare per l’impegno e la disponibilità che hanno mostrato in tutti i passaggi».

Quindi aggiunge: «Quello di oggi è l’inizio di un importante percorso, e lavoreremo in futuro per arrivare anche alla creazione di un Forum permanente dei cammini e del turismo lento, impossibile da realizzare adesso in assenza della legge finanziaria approvata, in modo da identificare un luogo di partecipazione e confronto fra le istituzioni, le associazioni e gli enti gestori in materia di valorizzazione, gestione e promozione dei Cammini e della mobilità dolce in generale».

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati