Un allettante viaggio nel cuore della Sicilia, un’escursione attraverso un’isola leggendaria su un antico percorso dei pellegrini. Su National Geographic si parla della Magna Via Francigena, un itinerario che consente di scoprire la regione in modo autentico e particolare.

La Sicilia della Magna Via Francigena su National Geographic

Dieci anni fa, racconta la celebre testata, un gruppo composto da storici, archeologi e naturalisti decise di mappare le rotte interne della Sicilia, facendo affidamento sui testi normanni dei cavalieri crociati. I sentieri, per lo più dimenticati, facevano parte degli itinerari di pellegrinaggio più antichi e frequentati d’Europa.

La Via Francigena correva da Canterbury a Roma e Sud-Est, in Terra santa. Il tratto siciliano comprende una rete di strade, sentieri, rotte commerciali e trazzere. Dai Greci ai Romani, dagli Arabi ai Normanni e fino agli Aragonesi, tutti sono passati da qui.

A partire dal 2017 è stato realizzato un grande progetto di recupero del percorso, che ha coinvolto 80 enti locali e 6 diocesi. Lungo l’arteria principale, la Magna Via Francigena di 180 chilometri, gli escursionisti raccolgono alcuni timbri che completano il passaporto del pellegrino nelle sedi partecipanti. Al Duomo di Agrigento, infine, un “testimonium” (cioè un attestato di completamento) attende gli escursionisti trionfanti.

Il tour di National Geographic parte dalla Cattedrale di Palermo e ottiene il primo “timbro” a Piana degli Albanesi. Non può mancare una dolce tappa con i celebri Cannoli. La tappa successiva è Corleone, subito dopo Prizzi. Tra le località di cui la testata decanta tradizioni e particolarità, ci sono Sutera e il paese collinare di Grotte.

Ed è l’ospitalità della Sicilia a farla da padrone: «Ovunque ci abbia portato la Via, con la pioggia o con il sole, ci si sente come se ci si ricongiungesse con qualcuno», si legge. Seguendo un pastore si arriva fino ad Aragona, dove si trovano alcuni dei tesori delle antiche famiglie più ricche di Sicilia.

Quindi si arriva ad Agrigento, «Dove il Mar Mediterraneo brilla di blu e i borghi medievali della Via sembrano un sogno». Finisce così il viaggio del National Geographic lungo il tratto siciliano della Magna Via Francigena.

Un viaggio di scoperta che rivela la Sicilia autentica, una Sicilia a tratti dimenticata ma, non per questo, meno bella. Anzi, forse più affascinante, perché custode di segreti che pochi sanno.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati