Sulla cima della rocca che sovrasta il centro abitato di Misilmeri, nel Palermitano, si trova il Castello dell’Emiro. La costruzione, di epoca arabo-normanna, è stata restaurata, tornando all’antico splendore. Poche le notizie certe sulle origini di questo edificio.

Pare che a costruirlo sia stato l’Emiro Giafar II, ai tempi della dominazione araba in Sicilia: lui fu uno dei 22 Emiri che governarono la Sicilia e fu quello che la amò di più.

LEGGI ANCHE: 10 CASTELLI SICILIANI CHE DOVRESTI VISITARE

Il castello di Misilmeri, nato come torre di avvistamento, fu poi circondato da mura. Ai piedi della rocca, poi, sorse il centro abitato, che prese il nome di Menzel-El-Emir, cioè Villaggio dell’Emiro: da lì derivò l’attuale nome. Il castello passò, dopo gli arabi, di mano in mano. Prima Ruggero D’Altavilla, l’ammiraglio Giorgio D’Antiochia, la diocesi di Palermo e la famiglia dei Chiaramonte, che ne fu proprietaria dal 1340 al 1800.

Nel 1800, con l’abolizione del baronaggio, venne abbandonato, poiché rimase senza proprietari. A causa delle intemperie e dell’erosione del tempo, è rimasto gravemente danneggiato, fino ad apparire come un rudere privo di valore. A risollevare le sue sorti ci hanno pensato gli scavi e i lavori di restauro del 2010.