Il panettone siciliano conquista la CNN. La celebre testata americana ha fatto un viaggio nella nostra regione, per la precisione a Castelbuono, per raccontare come viene fatto un dolce amatissimo in tutto il mondo.

Il siciliano che rivoluzionato la tradizione del panettone

“Quando si pensa alla Sicilia, è facile immaginare spiagge di sabbia bianca, architettura senza tempo e una miriade di prelibatezze come arancini, caponata e cannoli. Ma il panettone non sarebbe tra le prime cose che mi vengono in mente“. Questo l’esordio dell’articolo.

Sebbene il popolare dolce natalizio è tradizionale del Nord Italia, i maestri pasticcieri siciliani sono riusciti a eccellere nella ricetta: “Non lontano da Palermo, Nicola Fiasconaro sta rivoluzionando la tradizione del panettone ed esportando la sua nuova creazione in tutto il mondo”, si legge. Il titolo definisce il maestro pasticciere “Il siciliano che ha rivoluzionato la tradizione del panettone“.

Si arriva così a Castelbuono, celebre borgo delle Madonie, per raccontare la storia della famiglia Fiasconaro. Negli anni Ottanta, l’intuizione di Nicola: “Mio padre comprava 2.000 panettoni di produzione industriale dal nord, da vendere nel nostro bar durante le vacanze, ma l’ho sfidato a crearne uno nostro”, dice.

Nessuno faceva il panettone in Sicilia. La gente pensava che fossi pazzo. Mi hanno chiesto ”Nicola, perché non fai la cassata, i cannoli, le pignolate?‘. Ma ho pensato che il panettone non dovesse venire solo da Milano, dal Piemonte o dal Veneto”, racconta Fiasconaro. Il primo panettone dell’azienda si chiamava Mannetto, poiché conteneva la manna, in un incontro tra cultura del Nord ed ingredienti del Sud.

La grande occasione arrivò nel 1995, con un evento a New York. Fiasconaro è cresciuta, esportando i suoi prodotti in 65 Paesi del mondo. Oggi circa il 30% dei panettoni Fiasconaro viene venduto all’estero, a partire da una produzione che tocca punte di circa 18.000 chilogrammi al giorno in alta stagione, e raggiungerà quest’anno 1,7 milioni di chilogrammi, l’equivalente di circa 2 milioni di panettoni.

Negli anni il dolce ha accumulato riconoscimenti e premi, ma forse il miglior indizio della sua qualità è come l’hanno accolto i milanesi, si legge sulla CNN: “Oggi vendiamo più panettoni a Milano, la patria del panettone, che a Palermo“, rivela Fiasconaro alla stampa americana.

Foto Fiasconaro.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati