L’azienda palermitana Coalma, specializzata nella lavorazione del tonno, taglia il traguardo dei 100 anni e, per l’occasione, sostiene l’ospedale delle testuggini di Lampedusa e il lavoro dei volontari.

Coalma aiuta le tartarughe di Lampedusa

La storia dell’azienda comincia negli anni Venti del secolo scorso. Francesco Macaluso decise di aprire un piccolo stabilimento per la lavorazione e la trasformazione del pesce azzurro (sarde, acciughe, alici e sgombro) nel porticciolo di Sant’Erasmo, a Palermo. Unì l’attività di piccola pesca tradizionale e artigianale del tonno rosso del Mediterraneo.

Negli anni Cinquanta ebbero inizio sia l’importazione che la lavorazione del tonno a pinne gialle, pescato nell’Atlantico, sempre nello stesso stabilimento. Dismessa la flotta peschereccia, dal 2000 Coalma si è concentrata sulle attività di lavorazione e trasformazione. Ha avviato, nel corso dello scorso decennio, un processo di ristrutturazione manageriale, sul solco della tradizione di famiglia.

Il general manager è Vincenzo Bonura, mentre il brand manager è Claudia Pellitteri: entrambi rappresentano la quarta generazione. Nel 2014 sono arrivati nuovi soci, che hanno apportato un significati know-how su distribuzione e marketing.

Le attività in programma

Per i suoi 100 anni, l’azienda ha deciso di sostenere l’ospedale delle testuggini di Lampedusa e il lavoro dei volontari. Nel mese di giugno saranno documentate le attività dell’ospedale, anche attraverso i social. Sarà un modo per sensibilizzare nei confronti della tutela delle tartarughe.

La vita di queste piccole amiche, purtroppo, è messa spesso a repentaglio dai sistemi di pesca illegali e dalla plastica presente nei nostri mari. Saranno anche installati pannelli informativi, che spiegheranno come salvaguardare la specie.

Il procedimento tradizionale di lavorazione del tonno Coalma è rimasto sempre lo stesso: cottura in acqua e sale marino che assicura un prodotto con elevati standard di gusto e naturalezza. Claudia Pellitteri spiega: «L’azienda riesce a garantire nelle scatolette il trancio intero. Questo ci riporta alla grande verità che il tonno di qualità deve essere sodo, serrato, compatto e sostanzioso».

L’azienda utilizza pesci catturati con metodi di pesca eco-friendly dai pescherecci che rispettano protocolli di pesca sostenibile, grazie al metodo di pesca a circuizione o a canna. Facendo questa scelta, il tonno Coalma ha ottenuto la certificazione “Friend of the sea” e altre certificazioni legate all’adozione di protocolli per la sicurezza alimentare. Foto Facebook.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati