Tragedia di immani dimensioni negli Stati Uniti. Nello stato dell'Oregon, precisamente in una casa di Riddle, un vasto incendio ha provocato la morte di quattro bambini. Le vittime sono Gwendolyn Howell, 4 anni, Haley Maher, 7, Isaiah Young, 10, e Nicholas Lowe, 13 anni. La loro madre, il compagno e un altro fratello di 13 anni risultano invece gravemente feriti, secondo quanto ha affermato un portavoce dello sceriffo. Le fiamme sono divampate alle 2 locali in quest'amena cittadina a circa 300 chilometri a sud di Portland. Le cause non sembrerebbero sospette, ma è comunque stata aperta un'indagine.

"È devastante", ha detto il vice-sceriffo di Douglas County, Dwes Hutso. "Questa è una piccola città. Ci sono meno di 1.000 persone a Riddle, tutti conoscono quella famiglia", ha aggiunto. Marianne Walker, vicina della famiglia Howell, ha raccontato i concitati momenti: "I vigili del fuoco sono arrivati per spegnere il fuoco e cercare di salvare vite. Hanno portato alcuni di loro fuori casa. Gli ho visto fare manovre di rianimazione per almeno un'ora. Erano davvero dei buoni vicini", ha detto la donna.

La scuola frequentata dalle giovanissime vittime, la South Umpqua School District, è sotto choc e degli psicologi sono stati contatti per seguire gli altri studenti. I sopravvissuti sono il padre James Keith Howell, 39 anni, e la madre, la 38enne Tabitha Annette Howell, 38, oltre all'altro figlio Andrew Hall-Young, 13 anni. Adesso sono ricoverati al Legacy Emmanuel Medical Center di Portland.