Lavare i piatti a mano dopo pranzo o dopo cena non è mai un'occupazione piacevole. Chi ha una lavastoviglie magari la usa di rado e di solito toglie prima lo sporco in eccesso dalle stoviglie con una spugnetta. Secondo un gruppo di esperti (tra cui Consumer Reports, magazine Usa dell'Unione dei Consumatori), "Dovremmo lasciar fare alla lavastoviglie il proprio lavoro". Questi elettrodomestici sono costruiti a risparmio energetico e idrico ed è difficile batterli con il lavaggio a mano (se, ovviamente, lo sporco in eccesso viene rimosso bene, se la lavastoviglie è caricata bene e viene avviata a pieno carico).

Usando l'elettrodomestico, si utilizza il 25% in meno di acqua e il 12% in meno di energia elettrica. Il ciclo di lavaggio non può mai essere paragonato a quello che si fa con l'acqua corrente: lavando a mano i piatti, questi vengono meno puliti, anche perché difficilmente utilizziamo acqua ad elevatissime temperature (i 60 gradi che invece la lavastoviglie può raggiungere). C'è, inoltre, di più: lavare prima le stoviglie non serve a molto se si possiede una modello recente, perché quasi tutte hanno dei sensori in grado di cambiare la "forza" del lavaggio a seconda del contenuto più o meno incrostato