Si è tolto la vita a 39 anni, apparentemente senza motivo, ma col passare delle ore è venuto fuori un tremendo particolare. Dietro il gesto di un rappresentante residente nel trevigiano, a Montebelluna, potrebbe infatti esserci stato il ritiro della patente di guida.

L'uomo ha scelto di togliersi la vita dopo un periodo buio: facendo il rappresentante, quella patente ritirata equivaleva a problemi insormontabili sul lavoro.

Ex proprietario di un bar, era molto conosciuto in paese: sposato e padre di due bimbi, aveva cambiato lavoro, mollando il bar, e aveva iniziato a fare il rappresentante. Dopo una festa con alcuni colleghi e qualche bicchiere di troppo, è stato fermato dai carabinieri, che gli hanno ritirato la patente. In seguito si è impiccato nella sua casa, lasciando amici e parenti sconvolti.