Sicilia bella, ma anche “buona”. Gli inglesi del Guardian la incoronano come meta ideale per i buongustai e chiedono allo chef Giorgio Locatelli quali sono i posti migliori per mangiare in vacanza. Street food, cannoli, ma anche buon pesce, ce n’è davvero per tutti i gusti: avventuriamoci insieme allo scoperta del gusto.

Sicilia da buongustai sul Guardian

Ancora una volta la stampa internazionale accende i suoi riflettori sulla nostra Isola. Durante l’estate la Sicilia è protagonista più che mai e, stavolta, il britannico Guardian ha deciso di concentrarsi sulla buona cucina. “Da Parigi a Galway: i buongustai esperti svelano i posti migliori dove mangiare in vacanza”: questo il titolo dell’articolo che esplora mete come Lisbona, Siviglia e Copenaghen.

In questo trionfo di gusti e sapori non poteva certo mancare la nostra Sicilia. La testata ha chiesto un parere davvero speciale: quello dello chef Giorgio Locatelli, apprezzatissimo giudice di MasterChef che ha con l’Isola un rapporto speciale. «La Sicilia è un gioiello, con una tale cultura…», esordisce Locatelli.

«La prima cosa da fare quando si arriva a Palermo è prendere un cannolo. Non lasciate la Sicilia senza averne mangiato uno. Nei mercati tutte le aree alimentari sono incredibili, una delle principali è alla Vucciria. Dovete andare all’Antica Focacceria San Francesco per il panino con la milza. Anche se non vi piace il panino con la milza, è un posto incantevole: pizza, arancine e cannoli molto buoni», prosegue lo chef.

Da Palermo, poi, ci si sposta nelle altre province: «A Scopello si possono vedere tutti gli antichi conservifici del tonno, e il Panificio di Stabile e Anselmo. Qui troverete lo sfinciuni. si fa in tanti modi, con condimenti diversi, in giro per l’isola, e qui è sempre ottimo».

Quando si parla di pesce, Giorgio Locatelli non ha dubbi: «Il pesce migliore sembra provenire dal sud, di fronte alla Tunisia. Vado molto vicino a Menfi e uno dei miei ristoranti preferiti è Da Vittorio. Questo è un posto vicino al mio cuore».

«Vittorio è del Nord Italia, ma sua moglie è siciliana e quando avevano 17 anni hanno aperto un locale sulla spiaggia. Poi hanno costruito un ristorante, poi un ristorante con camere: è una storia di famiglia. Vittorio mi porta a Sciacca, al mercatino delle barche diurne. La maggior parte del pesce è prenotato per i ristoranti di Palermo, ma è comunque possibile acquistarne un po’ a bordo barca».

Da Sciacca all’Etna

Parlando della Sicilia al Guardian, lo chef continua: «C’è un luogo a Sciacca che tutti chiamano zio Aurelio (via delle Dogane, 8). In realtà si chiama Bar Roma ma non l’ho mai sentito chiamare così. Aurelio fa la granita migliore. Se riesce a farne un succo, ci farà una granita. Molto buono anche un ristorante chiamato La Lampara».

Dal mare ai monti, è un attimo: «Se vai in Sicilia e non vai sull’Etna, te ne pentirai. Catania ha uno dei mercati del pesce più sorprendenti. La cosa più importante in molti ristoranti qui è non seguire un menu; segui quello che dicono: ti daranno le cose migliori e più fresche. C’è qualità degli ingredienti e un tipo di cucina senza pretese qui. I siciliani sono molto bravi con i sapori semplici. La Sicilia dovrebbe essere un luogo protetto, quindi la sua bellezza va conservata così com’è».

Foto: Jaime Fok – Licenza.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati