Procedono senza sosta i tagli alla sanità siciliana da parte del Governo regionale di Rosario Crocetta. Dopo aver chiuso 28 Punti nascita, l’esecutivo si concentra sui Laboratori di analisi e sui Centri di radiologia convenzionati. Il budget resta invariato. Ma in cambio degli stessi soldi il Governo Crocetta chiede un aumento del numero delle prestazioni.

[Continua la lettura dell’articolo]