Il territorio siciliano è pieno di antiche leggende e storie affascinanti. Oggi abbiamo pensato di raccontarvene una legata al territorio di Siracusa. In questa parte dell’Isola non mancano i racconti fantastici, che lo rendono ancora più affascinante.

La leggenda della Pillirina (cioè la Pellegrina) è connessa a una grotta che si trova sulla Punta del Gigante, estremità della Penisola della Maddalena, raggiungibile attraverso i sentieri da via Capo Passero. Questo angolo di Sicilia si caratterizza per l’acqua cristallina e la natura incontaminata.

Secondo la leggenda, una giovane donna si innamorò di un marinaio, ma il loro amore era contrastato dai genitori di lei, che avrebbero voluto un uomo più facoltoso. Nelle notti di plenilunio, i due si incontravano di nascosto, proprio nella grotta della Pillirina, e si amavano su un tappeto di alghe, trasportate all’intero dalla corrente del mare.

A un certo punto, a causa del mare molto agitato, il marinaio non fu più in grado di presentarsi agli appuntamenti. La giovane donna attere il suo amato fino alla bonaccia dei giorni successivi, ma egli non fece più ritorno. Ferita nell’amore, decise di gettarsi in mare, togliendosi la vita. Da allora, i marinai raccontano che durante le notti di luna piena, quando i raggi di luce entrano nella grotta della Pillirina a causa di un foro superficiale, appare una donna che attende il suo amato.