Oliviero Toscani torna a parlare della Sicilia e, in generale dell’Italia, con l’inconfondibile tono che lo contraddistingue. Il fotografo italiano ad aver guadagnato di più al mondo, ha compiuto 80 anni e non le manda a dire. È proprio lui ad inaugurare il nuovo format MOW: tutta la redazione contro un personaggio. Cosa ha detto.

Oliviero Toscani, dalla “Sicilia mafiosa” ai fotografi di guerra

Il fotografo ha risposto alle domande della redazione: da Putin a Giletti, passando per Draghi, è arrivato così a parlare della «Sicilia ancora mafiosa» e di quelli che definisce gli «inutili» fotografi di guerra.

Oliviero Toscani, classe 1942, ha appena pubblicato la sua autobiografia, “Ne ho fatte di tutti i colori”. A MOW ha spiegato la sua visione della società: «Abbiamo deciso di delegare, e dare in mano, le nostre vite, politicamente e quindi economicamente e culturalmente, ai banchieri. Perché abbiamo deciso che i soldi sono la cosa più importante. La cosa più importante per noi è: il denaro. Siamo veramente dei venduti, tutti: siamo dipendenti dal denaro».

Parlando delle fotografie che ha realizzato per diverse campagne pubblicitarie, ha spiegato: «Non ho mai venduto niente, piuttosto ho affrontato argomenti spinosi, mica ho fatto lo spot delle caramelline. È che voi volete per forza collocare tutto in compartimenti stagni, ragionevolmente e mediocremente comprensibili».

Quindi il passaggio all’argomento “politica“. Quando gli è stato chiesto chi è il politico più ridicolo, ha risposto: «Noi che li votiamo». Negli anni in cui Vittorio Sgarbi era sindaco di Salemi, in provincia di Trapani, Oliviero Toscani è stato assessore.

E, proprio ricordando quell’esperienza, ha detto: «Assessore alla cultura, però non ha funzionato. C’era Philippe Daverio… Eravamo delle persone che non andavano bene in un Paese mafioso come l’Italia. Sì, la Sicilia è mafiosa, ancora adesso, e ci vorrà qualche generazione. Ma l’Italia intera è mafiosa, siamo mafiosi e fascisti. Questo è un paese fascista».

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati