Lucia Castiglione guarisce dal Covid a 108 anni.

  • Compleanno da record a Bronte, in provincia di Catania, per più di un motivo.
  • Lucia ha tagliato il traguardo dei 108 anni, ma c’è anche altro da festeggiare.
  • L’ultracentenaria siciliana, infatti, è sopravvissuta alla Spagnola e ha sconfitto anche il Covid.

Non capita tutti i giorni di sentire una storia come quella che stiamo per raccontarvi. Una storia carica di speranza che, soprattutto di questi tempi, assume un valore ancora più speciale. A Bronte è stato festeggiato un compleanno da record: Lucia Castiglione ha spento 108 candeline. La signora è guarita di recente dal Covid, ma già in passato ha conosciuto un’altra, bruttissima, pandemia: quella della Spagnola. È nata nella cittadina del Catanese nel 1913. A 24 anni ha sposato Nunzio, rimanendo vedova nel 1990. Non ha figli, ma nipoti. Ha celebrato il compleanno insieme agli altri ospiti del “Residence per anziani San Vincenzo”, dove viene assistita da 8 anni: le hanno organizzato un festeggiamento con una torta a forma di 108 .

Compleanno da record a Bronte

“Per la nostra cara Lucia i traguardi sembrano infiniti, come le difficoltà superate in questi lunghi anni, ma la sua forza e la sua tenacia continuano ad avere la meglio”, hanno scritto sulla pagina Facebook della casa di riposo che la ospita, dalla quale hanno condiviso le foto della festa per zia Lucia. “La sua longevità è sicuramente un segno della benevolenza divina. Perché mia zia Lucia Castiglione è sempre stata la testimonianza vivente della generosità, dell’altruismo e dell’affetto verso tutti”, ha detto la nipote dalle pagine de La Sicilia. Rimasta vedova, Lucia ha dedicato la sua vita proprio ai nipoti.

“Se mia zia avesse la forza di descriverci la sua vita non potrebbe che raccontarci quanto sia stata generosa con noi e con gli altri. Lei secondogenita di tre sorelle e due fratelli, non solo ha sempre pensato a tutti noi, ma anche a chi era in difficoltà. A chi dava il pane, a chi le lenticchie, a chi altro. E questo sempre, ogni volta che preparava qualcosa. Una volta, dopo aver riscaldato il forno, ha preso una bella pala di brace viva e a piedi, reggendo con forza quella pala arroventata, ha raggiunto la casa di una vicina che sapeva essere al freddo. Per questo suo essere semplice e gentile tutti le hanno sempre augurato la benedizione di Dio e secondo me Dio li ha ascoltati”, ha aggiunto la nipote.

La tenacia continua a essere una caratteristica di Lucia Castiglione. A 108 anni ha sconfitto il Coronavirus, è ancora abbastanza lucida, canta qualche canzone e recita poesie. “La sua vita è un esempio, testimonianza di quei valori che purtroppo sembrano perduti. Se non ci fosse stato il covid avremmo organizzato una grande festa per celebrare i suoi 108 anni e una vita dedita alla famiglia ed agli altri. Bronte le è riconoscente e fiera di potersi confermare grazie anche a lei paese di centenari e terra di vita sana”, ha detto il sindaco di Bronte, Pino Firrarello.

Articoli correlati