Qual è la prima band tributo dei Måneskin? La domanda è al centro di un acceso dibattito in queste ore, con uno “scontro” tra i palermitani Mårlène e i romani Moonskin. Entrambe le formazioni, infatti, reclamano di essere state prime e uniche. Cosa sta accadendo.

Mårlène contro Moonskin

Viaggia veloce la polemica tra la tribute band nata a Palermo nell’aprile dell’anno scorso, dopo la vittoria sanremese dei Måneskin, e i Moonskin di Roma. Questi ultimi, in questi giorni stanno spopolando sul web, ricevendo anche dei riconoscimenti

«Siamo nati prima noi come tribute band», spiega Gaetano Cottone, 31 anni, bassista e fondatore dei Mårlène insieme al fratello Giuseppe di 28 anni, chitarrista, a Vincenzo Bonito, 29enne alla voce, e al batterista 15enne Lorenzo Rasa, studente del liceo musicale.

«Ora – aggiunge Cottone all’Ansa – si stanno diffondendo notizie tramite i canali di varie testate giornalistiche e anche sui social in cui questo gruppo si dichiara e si autoproclama primo ed unico tributo ai Måneskin in Italia». «Il nostro obiettivo è quello di riprodurre fedelmente la musicalità dei Måneskin – aggiunge – nei concerti in parte richiamiamo l’outfit della band originale».

I Mårlène sono nati per caso, dopo aver seguito la scalata al successo della band: prima “X Factor”, poi a Sanremo, la vittoria con “Zitti e Buoni”. Dopo aver casualmente conosciuto Vincenzo Bonito, si sono convinti. «Quando abbiamo ascoltato Vincenzo – dice Cottone – ci siamo resi conto che aveva la stessa timbrica di Damiano e allora siamo partiti subito. L’anno scorso abbiamo fatto una serie di concerti in Sicilia, nonostante le limitazioni legate al Covid».

I Mårlène saranno presto a Reggio Calabria e tra luglio ed agosto al “Beer Fest” di Ferrara. Nel frattempo, domenica prossima si esibiranno a Palermo, in piazza Vittorio Veneto, nell’ambito di un’iniziativa contro la guerra in Ucraina.

«Cerchiamo di fare in Italia – sottolinea Cottone – quello che loro non riescono più a fare, perché impegnati ormai spesso all’estero. Siamo riusciti a farci notare dai fan club ricevendo numerosi apprezzamenti anche come unica e vera ‘tribute band’ riconosciuta dai fan».

«La storia di questi “Moonskin” è sconosciuta – conclude Cottone -, di loro si sa ben poco, sono sbucati nel web la settimana scorsa, praticamente dal nulla e non sono nemmeno sui canali social più conosciuti. Fanno pessima pubblicità sia a loro stessi che a noi oltre anche agli stessi “Måneskin».

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati