Miriana Trevisan si racconta a "Vero". La showgirl lanciata da "Non è la Rai" e con un passato da icona televisiva grazie a "Striscia la notizia", "La Corrida", "La ruota della fortuna" e "L'Isola dei famosi", è felicemente fidanzata dal 2013 con Giulio Cavalli, scrittore, attore e uomo politico noto per la sua lotta alla mafia. La coppia ora è pronta al matrimonio, anche se prima entrambi dovranno formalizzare il divorzio dai precedenti consorti.

La Trevisan, 44 anni, è stata legata al cantante Pacifico Settembre, in arte Pago, che sposò il 14 giugno 2003 e da cui si è separata dopo circa dieci anni, annunciando la rottura nel gennaio 2013. La storia con Giulio Cavalli è nata poco dopo, mentre Pago si è legato sentimentalmente all'ex tronista Serena Enardu. Nel futuro di Miriana e Giulio non c'è l'idea di avere figli: "All'inizio ci avevamo pensato, ma abbiamo cambiato idea anche perché il mio compagno ha già tre figli quindi sarebbe dura. Siamo felici così. Le cose non si fanno mai di fretta, soprattutto in una situazione del genere, dove spiegare è difficilissimo. Non abbiamo bruciato le tappe, abbiamo accettato i momenti di rabbia di ognuno, abbiamo ascoltato le ragioni di tutti i nostri bambini e abbiamo dato loro il tempo necessario per accettarci come coppia".

La Trevisan è mamma di Nicola, il figlio nato nel 2009 dal matrimonio con Pago. Insieme all'ex la showgirl ha cercato in ogni modo di evitare che la separazione fosse dolorosa per il bambino. "Nicola è un bambino sereno, non lo dico solo io che potrei essere poco obiettiva, ma lo dicono anche gli altri e questo mi rassicura. Sono dolce, ma so essere anche dura. La dolcezza è una qualità che mi riconoscono anche gli amici, ma sono severa sul senso del dovere. Ad esempio, il suo sogno è diventare uno scienziato e costruire degli oggetti che possano aiutare il mondo, e io gli ho consigliato di iniziare sin da adesso a capire come sono fatte le cose. Su questo sono dura, perché il mondo tende a essere pigro e io voglio che lui si impegni sin dall'inizio per costruire i suoi sogni".