Dove si trova l’unico Museo del Vino Sicilia? Forse non tutti lo sanno, ma il Museo del Vino e della Civiltà Contadina ha sede a Palermo. Allestito nelle antiche scuderie del Palazzo dei Principi di Palagonia si trova nel quartiere della Kalsa, in via del Quattro Aprile. I visitatori possono approfondire la conoscenza della produzione enologica siciliana più significativa.

È prevista un’attività di wine tasting, cioè degustazione, e viene fornito l’ausilio di supoorti audiovisivi e telematici. A rotazione vengono proposte le tipologie più significative della produzione isolana, come bianchi, rossi, moscati, passiti, vini da meditazione e Marsala.

Il Palazzo che ospita il Museo del Vino Sicilia è il Palazzo dei Principi di Palagonia, costruito alla fine del 1400. L’esposizione occupa i locali che accoglievano le antiche cantine storiche, ricche di particolare fascino. Nei ripiani alti è esposta tutta la produzione storica, risalente agli anni 70/80, distribuita per singola provincia.

Nei ripiani bassi , invece, si trova la produzione più significativa attuale, distribuita per produttore e per singola provincia. Sono state inserite una serie di collezioni sul tema vino.

Il visitatore è guidato da alcune didascalie ed accompagnato da una documentazione destinata, per necessità di sintesi e motivo di spazio, all’avvicendamento.

Museo del Vino Sicilia, il percorso

  • Prima Sala –  produzione della Provincia di Palermo. Sono esposti francobolli e buste 1° giorno di emissione, cartoline umoristiche, cartoline pubblicitarie, manifesti, etichette, collezione di mignon, cavatappi. C’è anche una collezione di capsule di spumanti e champagne, sui tavoli a sinistra fiaschi, fiaschette, botticelle e “carratelli”.
  • Seconda Sala – produzione delle Province di Trapani e Agrigento. C’è una collezione di etichette siciliane, internazionali e in pannelli tematici. Sui tavoli contenitori per il vino, per l´olio e per le granaglie. Presente anche una vetrinetta tutta da ammirare con bottiglie storiche risalenti alla metà del 1800 e piccoli strumenti di lavoro.
  • Terza Sala – è dedicata interamente alla civiltà contadina, con gli attrezzi connessi alla storia de mestieri siciliani connessi alla viticultura. In vetrina una collezione di bicchierini di rosolio.
  • Quarta Sala – Produzione delle restanti Province. L’esposizione viene ulteriormente arricchita da una collezione di bottiglie in vetro nelle più svariate forme. Sui tavoli l’evoluzione grafica nel mondo del vino con particolare riguardo all’editoria e alla pubblicità.
  • Quinta Sala – è in stile Liberty ed è dedicata al marsala, ai vini da meditazione e ai vini sperimentali dell’Istituto Regionale della Vite e del Vino.
  • Sesta Sala – wine tasting.
  • Settima Sala – sala riservata ad eventuale piccolo shopping.

Il museo è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 12, festivi esclusi. La visita si conclude, a richiesta, con la degustazione del vino proposto dai sommelier addetti.