Legambiente ha preso in analisi 26 punti della costa siciliana. Soltanto in 4 l'acqua è risultata con valori di inquinamento entro i limiti, in 22 il tetto è stato superato e, tra questi, 17 sono fortemente inquinati, cioè con valori che superano i limiti previsti dalla legge.

Prima di andare avanti, bisogna specificare che l'associazione ambientalista, con la campagna di Goletta Verde, esegue i campionamenti alle foci dei fiumi, dei pennelli e degli scarichi, cioè «punti critici – spiegano – che vengono principalmente scelti in base a un maggior rischio presunto di inquinamento, individuati dalle segnalazioni non solo dei circoli di Legambiente ma degli stessi cittadini attraverso il servizio Sos Goletta. Queste situazioni sono i veicoli principali di contaminazione batterica dovuta all’insufficiente depurazione dei reflui urbani che attraverso i corsi d’acqua arrivano in mare».

Nove i punti monitorati in provincia di Palermo, di cui sette fortemente inquinati: sbocco dello scarico presso A. Diaz, in via Messina Marine, a Palermo;piano stenditore lungomare di Porticello; scarico acque bianche presso spiaggia Sarello; sbocco canale spiaggia presso piazza Marina, a Cefalù; foce del torrente Nocella, a Terrasini; foce scarico Bernardo Mattarella a Villagrazia di Carini;foce fiume Chiachea, a Carini.

In provincia di Agrigento, su tre, uno è risultato fortemente inquinato (alla foce del torrente Cansalamone). Per quanto riguarda la provincia di Catania, tre sono risultati fortemente inquinati (rispettivamente allo sbocco dello scarico fognario inizio Lungomare Galatea, Foce Torrente Macchia, in località Sant’Anna, e alla Foce del fiume Alcantara).

Due i punti monitorati in provincia di Messina, entrambi entro i limiti. Fortemente inquinati, invece, i due punti monitorati in provincia di Siracusa, ovvero alla foce del Canale Grimaldi e alla Spiaggetta del Granatello. Per quanto riguarda i due punti campionati in provincia di Caltanissetta uno è risultato fortemente inquinato, ovvero alla foce del fiume Gattano.

Entro i limiti, invece, il punto monitorato in provincia di Ragusa alla spiaggia fronte fiumara di Modica. In provincia di Trapani, in ultimo, i tre punti monitorati sono risultati tutti fortemente inquinati.