È riuscito a salvare la nipotina Camilla, appena 3 anni, ma è rientrato per salvare gli altri ed è annegato. È davvero triste la storia di nonno Roberto, morto nella sua casa intrappolata nel fango con tutta la sua famiglia. La tragedia, nel solco del nubifragio di Livorno, è avvenuta in un appartamento in via Rodocanacchi, al piano terreno. L'abitazione si trova in una palazzina è stata costruita agli inizi del Novecento e recentemente ristrutturata. 

Quattro corpi sono stati trovati in un appartamento in un palazzo di via Nazzario Sauro, completamente allagato. I cadaveri sono quelli del marito, Simone Ramacciotti, 37 anni, della moglie Glenda Garzelli, 35 anni, del figlio Filippo, 4 anni, e quello del nonno, Roberto Ramacciotti, 65 anni.

Nei pressi della palazzina è straripato il Rio Maggiore, un piccolo torrente ormai completamente interrato. Il torrente ha rotto il 'contenitore' e le acque hanno invaso l'abitazione. A causa del maltempo, oltre alla famiglia, sono morte altre 3 persone.