Arrivano due nuove banconote da 100 e 200 euro: i biglietti, che sono stati presentati a Francoforte, completano la serie “Europa”, sono antifalsari e dovrebbero essere messi in circolazione a partire dal 28 maggio. In dettaglio, le banconote presentano le stesse caratteristiche di sicurezza di quelle da 50 euro, come ad esempio il ritratto nella filigrana filigrana e nell'ologramma, oltre ad alcuni elementi nuovi e aggiornati.

Le nuove banconote da 100 e 200 euro

La Bce ha spiegato che le loro caratteristiche "le rendono più difficili da falsificare ma pur sempre facili da controllare". Nello specifico, l'ologramma con satellite è apposto nella parte superiore della striscia argentata: muovendo la banconota, appare il simbolo dell'euro che ruota attorno al numero. C'è, inoltre, la novità del numero verde smeraldo: muovendo la banconota, la cifra brillante nell'angolo inferiore sinistro crea l'effetto di una luce che si sposta in senso verticale e il numero cambia colore, passando dal verde smeraldo al blu scuro.

Forse non tutti lo sanno, ma le banconote da 100 e 200 euro, pur essendo di grande taglio, sono ampiamente utilizzate, non soltanto come mezzo di pagamento, ma anche come riserva di valore: basti pensare che quelle da 100 sono più diffuse di quelle da 10.

A fine giugno circolavano 2,7 miliardi di banconote da 100 contro 2,5 miliardi di biglietti da 10. Ancora, in termini di valore la banconota da 100 è il secondo taglio più importante dopo quello da 50. Sono decisamente più 'rare' le banconote da 200 euro, pari ad appena l'1% del totale.

Le banconote in euro, conclude la Bce, "continuano a rappresentare un mezzo di pagamento affidabile e sicuro: il numero di falsificazioni rimane molto contenuto" (si parla di 301 mila esemplari ritirati nella prima metà del 2018 contro 21 miliardi di biglietti circolanti). C’è da considerare che il contante è ancora il mezzo di pagamento preferito: nel 2016 il 79% di tutti i pagamenti nell'area euro è stato effettuato 'cash'.