Un intero rione di Palermo, Borgo Vecchio, si è mobilitato per una plateale proposta di matrimonio, organizzata da un ragazzo che ha deciso di chiedere la mano della sua fidanzata con una trovata indimenticabile. Il racconto e il video dello spettacolare evento.

La proposta di matrimonio a Palermo

Una grande busta che si apre e la scritta di led bianchi: “Mi vuoi sposare?“, il tutto con fuochi d’artificio e fontane di fuoco. Si può dire non mancasse proprio nulla alla richiesta del giovane palermitano.

L’intero quartiere del capoluogo – racconta BlogSicilia –  ha potuto assistere a questa plateale proposta di matrimonio, accompagnata da musica. Tutto si è svolto in uno storico rione della città di Palermo, a due passi dal centro. Sulle note della canzone “Ci sto cu te” di Natale Galletta, è arrivata una ragazza bendata.

Familiari, amici e conoscenti hanno assistito alla scena. Le è stata tolta la benda, in modo che potesse vedere la sorpresa organizzata per lei. C’era una grande busta bianca, chiusa con un lucchetto e qualcuno le ha consegnato una grande chiave, quindi sono partite anche le fontane di fuoco.

La giovane ha aperto la busta, che è venuta giù in stile “C’è posta per te”, il celebre programma di Maria De Filippi. È comparsa a questo punto una grande scritta: “Mi vuoi sposare?”. Le luci hanno illuminato la piazza ed ha fatto il suo ingresso anche anche lui, il fidanzato che ha dato vita a questa proposta di matrimonio.

Dopo che lei ha detto “Sì”, sono partiti i fuochi d’artificio, proprio sopra il rione. Tra applausi, baci e abbracci, la coppia ha coronato il suo sogno d’amore. Non potevano, naturalmente, mancare i fotografi, pronti a immortalare tutto questo. In tanti, inoltre, hanno ripreso i momenti salienti con gli smartphone, pubblicando i filmati in rete.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati