Finalmente sbloccato il Piano Giovani in Sicilia, destinato agli under 35. Entro gennaio scatteranno i tirocini retribuiti in azienda per circa 350 giovani su 800 selezionati nella cosiddetta "prima finestra" del clic day. Ad annunciarlo è l’assessore regionale alla Formazione professionale, Bruno Marziano: “In giunta abbiamo prorogato la procedura riguardante il Piano Giovani, in modo tale che ci siano i tempi tecnici per attivare i tirocini e salvaguardare i finanziamenti. Si tratta di un atto tecnico per portare avanti le attività di competenza del mio assessorato".

In questi giorni i centri per l’impiego hanno fatto scattare le convocazioni dei soggetti interessati, che dovranno presentarsi entro il 16 dicembre, riporta "PalermoToday". Una volta sottoscritti i progetti formativi, si potrà dare il via ai tirocini. I giovani in possesso dei requisiti per 6 mesi lavoreranno in un’azienda con una retribuzione di 500 euro al mese. All'azienda andranno invece 250 euro mensili. In totale, dopo le varie rimodulazioni, la dotazione finanziaria disponibile per i tirocini ammonta a 16 milioni di euro. Tuttavia, tra giovani che nel frattempo hanno alzato bandiera bianca e aziende non più interessate, ne dovrebbero essere utilizzati circa 10 milioni.

I 16 milioni, come detto, saranno impiegati per i tirocini. Si comincia con i circa 350 selezionati per la prima finestra; altrettanti saranno quelli del secondo step. Dopodiché la regione emanerà il bando per la terza e ultima finestra. "Meglio tardi che mai. Dopo due anni di burocrazia ed errori si volta pagina. L’auspicio adesso è che questi tirocini, al contrario di quelli fatti con Garanzia Giovani, vengano retribuiti regolarmente", commenta Monica Genovese, responsabile Mercato del Lavoro della segreteria regionale della Cgil