Aroma di Sicilia: le proprietà dell’Anice.

  • L’anice è una delle spezie più antiche: era già conosciuto e utilizzato dai Greci, dagli Egizi e dai Romani.
  • Si è ampiamente diffuso nell’area mediterranea, ma è molto amato anche nel Medio Oriente.
  • I suoi semi sono preziosi in cucina, ma sono noti anche per le proprietà digestive.

Ha un profumo caratteristico e anche il sapore non lascia dubbi. L’anice è una spezia molto amata in Sicilia e, in generale, in tutti i Paesi del Mediterraneo. Ha trovato un largo impiego in cucina, ma può anche apportare dei benefici al nostro organismo. Si tratta di una pianta fiorita della famiglia delle Apiaceae, che ha uno spiccato sapore di liquirizia. Il suo nome scientifico è Pimpinella anisum: è un’erba ornamentale folta, ideale decorare i giardini, ma l’uso più interessante è in cucina, perché i suoi semi sono la base di molti liquori aromatizzati e di tantissime ricette. Oggi vogliamo approfondire le proprietà dell’anice, che è molto utilizzato in Sicilia. La pianta è chiamata anche il “merletto della regina Anna“: le sue foglie, infatti, sono rette da steli viola, a pizzo, e i suoi fiori creano degli ombrellini bianchi davvero decorativi. Non va confuso né con l’anice stellato, né con il finocchio.

Quali sono le proprietà?

I semi dell’anice sono molto piccoli, ma se ne può usare una quantità modesta. Hanno una grande varietà di nutrienti e micronutrienti. Sono ricchi di ferro, contengono anche manganese, un minerale chiave che funge da antiossidante ed è necessario per il metabolismo e lo sviluppo. Sono utili per contrastare funghi e batteri, per aiutare a combattere le infezioni, per favorire la prevenzione delle ulcere allo stomaco, per tenere sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue e lenire alcuni sintomi di depressione e menopausa. I benefici dei semi si concentrato soprattutto sul tratto intestinale: sono utili per la digestione, aiutano a prevenire alitosi, gas e flatulenza. Alcune ricerche indicano che l’anetolo, il principio attivo dei semi di anice, può tenere sotto controllo la glicemia nel sangue se associato a una dieta sana.

Controindicazioni

Le controindicazioni dei semi di anice sono poche, ma non vanno ignorate. Sono sconsigliati in caso di allergie, naturalmente. È sempre meglio consultare il medico prima di utilizzarlo. Impiegarlo come rimedio naturale non sostituisce in alcun modo il ricorso a farmaci e integratori venduti in farmacia.

Articoli correlati