Cu avi a cchi fari ccu li sperti, stassi ccu l’occhi aperti. Avrete sicuramente già intuito il significato di questo proverbio siciliano, che oggi conosceremo meglio insieme. Per alcuni di voi sarà un proverbio già noto, mentre per altri giungerà del tutto nuovo. In entrambi i casi è un’ottima occasione per conoscere la Sicilia ancora meglio. Spesso, infatti, si sottovaluta l’importanza dei proverbi, che invece sono un’importante rappresentazione della saggezza popolare.

Queste semplicissime frasi, in passato, erano considerate al pari di regole da seguire. I proverbi sono sempre stati accessibili a tutti e, proprio per questo, la loro forza si è mantenuta viva nel tempo. Certo, oggi non vi si fa più affidamento come in passato, ma proprio per questo ci sembra giusto recuperarli. Così, anche chi non li conosce molto bene, avrà un’occasione per saperne di più.

Cosa significa, dunque, “Cu avi a cchi fari ccu li sperti, stassi ccu l’occhi aperti”? Iniziamo dalla traduzione: “Chi ha a che fare con quelli troppo svegli, deve tenere gli occhi aperti”. L’invito è a prestare attenzione, perché la fregatura potrebbe essere dietro l’angolo.