Proverbi siciliani sull’estate… potevamo forse dimenticarcene? Come ormai saprete bene, ci piace parlare spesso dei proverbi: si tratta, secondo noi, di un modo per conoscere la Sicilia ancor più approfonditamente. C’è stato un tempo in cui i queste perle di saggezza venivano considerate vere e proprie regole da applicare e seguire.

Sono sempre stati, senza ombra di dubbio, consigli utili per affrontare tanti aspetti della quotidianità. Tutti hanno un proverbio particolarmente caro, magari perché sentito dai parenti o perché molto in uso in famiglia. Oggi abbiamo deciso di dedicarci alla bella stagione, raccogliendo i migliori proverbi sull’estate. Vediamo subito insieme quali sono!

  • A quattru cosi non tiniri fidi: suli di ‘nvernu, nuvola di stati, amuri di donna e carità di frati
    Non ti fidare di: sole d’inverno, nubi d’estate, l’amore di donna, e carità dai fratelli
  • Innaru è capu d’estati
    A Gennaio inizia l’estate
  • Austu è capu di ‘nvernu
    Agosto inizio d’inverno
  • Giugnu e Giugnettu sauta du lettu
    A Giugno dormi poco
  • Si voi pruvari li peni di lu ‘nfernu, lu ‘vernu a Missina, e la stati a Palermu
    Se vuoi provare le pene dell’inferno passa l’inverno a Messina, e l’estate a Palermo
  • Quannu viditi nespoli chianciti chistu è lu primu fruttu di l’estati
    Le nespole indicano l’arrivo dell’estate
  • Dissi lu cerru a la cocuzza, ‘nta austu si vidi cu è cerru e cu cocuzza
    Disse la quercia alla zucchina “Ad Agosto si vede chi è quercia o zucchina”
  • Quannu lu persicu ciurisci e matura lu jornu cu la notti si misura
    Quando il pesco fiorisce e matura il giorno e la notte sono di egual misura
  • Jornu curtu, pisci longu; jornu longu, pisci curtu
    Giorno corto, pesce lungo; giorno lungo, pesce corto
  • La furmicula affanna la stati pri nu patiri lu ‘nvernu
    La formica si affanna d’estate per non soffrire d’inverno

Foto di Fiorella Re