Avete mai sentito parlare delle Miniminagghie siciliane? Forse soltanto in pochi sanno di cosa si tratta. La parola Miniminagghia ha la stessa radice del termine greco “mimnesco”, cioè ricordare: indica un indovinello. Chiamata anche nniminagghia o niminagghiasi tratta ri na dummanna, tanti voti abbastanti vaga, di cui lu litturi o chiddu chi ricivi la dumanna, havi a pruvari a nsittari a risposta giusta.

Può essere un po’ scherzosa, ma solitamente è così vaga che è difficile indovinare. Il solo fatto di doversi sfirniciare per dare una risposta, è un divertente passatempo. In tempi antichi le miniminagghie venivano raccontate nel periodo di Carnevale, ad esempio. Col passare del tempo, purtroppo questa usanza si è persa quasi del tutto. Quando ancora si condivideva una dimensione più collettiva, insieme al vicinato, ci si sedeva anche insieme raccontandosi storie e aneddoti e rivolgendosi indovinelli.

Ecco alcune Miniminagghie siciliane

  • Nall’acqua nasci, nall’acqua pasci, viriennu l’acqua iddu spirisci. Nell’acqua nasce, nell’acqua muore, vedendo l’acqua lui sparisce.
    È il sale.
  • Sùgnu iàvita quantu ‘mpalàzzu, càru ‘ntèrra e nènti mi fàzzu. Sono alta quanto un palazzo, cado a terra e niente mi faccio.
    L’oliva.
  • Tùnnu rutùnnu bicchieri  senza fùnnu, bicchieri nun è, anzètta ch’è?
    L’anello.
  • Aiu na rància a puòttu in Francia, a puòttu in Turchia, è sempri cu mìa.
    La luna.
  • Mi vàsa e nunn’è a zìta, m’accarìzza e nunn’è u zìtu, m’abbràzza e nunn’è u marìtu, m’arricrìa e nunn’è a mugghièri. A làvu, a stiènnu, a stìru, a gnuttichìu. Chìddu ca rìcu tu mi cumpriènni.
    La tovaglia.
  • Aiu n’màzzu ri millimillìcchi, nun su vìrdi e màncu sìcchi , pì lu mmièrnu e pi la stàti; ‘nzittamìllu pì caritàti.
    I capelli.