L'hanno avvicinata mentre stava passeggiando. Poi l'hanno condotta in un garage e lì l'hanno violentata a turno. Terribile storia di violenza in un piccolo comune della provincia di Salerno, San Valentino Torio. Una storia che vede protagonisti tutti minori: ha solo 16 anni la vittima e hanno tra i 15 e 17 anni i cinque che l'hanno stuprata.

Una ragazzina che ha avuto il coraggio di denunciare e di consentire, così, l'arresto dei suoi aggressori. I cinque "mostri" non sono pregiudicati, ma ragazzi "normali". E sembra anche che la ragazzina non avesse rapporti di amicizia con il gruppo. Le indagini sono in corso per cercare di capire cosa abbia potuto far scattare una violenza simile.

Giuseppe Canfora, sindaco di Sarno, comune dove vive la ragazzina, non riesce a credere a quanto accaduto. "Contatteremo la famiglia, non solo per farle sentire la vicinanza di tutta l'amministrazione, ma anche per darle tutto il sostegno umano e sociale di cui necessita. A memoria non ricordo un gesto tanto violento e crudele, soprattutto se pensiamo che a commetterlo sono stati dei minorenni nei confronti di una sedicenne. Si tratta di un pugno nello stomaco che ci ha sconvolti. Si deve fare giustizia, senza se e senza ma".

Parla di sconcerto e incredulità anche il sindaco di San Valentino Torio, Michele Strianese: "Non conosco questi ragazzi. Gli stessi carabinieri sono molto restii a rilasciare informazioni. Il nostro comune è attento alle problematiche giovanili e alle politiche sociali. Quest'anno abbiamo creato un centro per minori, oltre a un centro per disabili e uno per aggregazione giovanile. Mi sembra assurdo un gesto del genere, a opera di cinque minorenni. Sono senza parole".