È stato ritrovato nei pressi della foce del fiume Salso il cadavere dell’uomo disperso da giovedì notte. I sommozzatori dei vigili del fuoco di Palermo, in questi giorni, hanno effettuato diverse ricerche e immersioni lungo il corso d’acqua dell’Agrigentino.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, l’anziano si sarebbe suicidato, lanciandosi dal ponte Federico II. In un primo momento, visto il forte maltempo abbattutosi sulla Sicilia tra il 25 e il 26 ottobre, si era pensato che la scomparsa dell’uomo, che aveva 81 anni, fosse collegata alle avverse condizioni meteorologiche.

Subito sono partite le ricerche da parte dei vigili del fuoco del comando di Agrigento, del nucleo Sommozzatori e dei Fluviali del Comando di Palermo. Nei due giorni successivi si è avvicendato altro personale dei vari comandi della Sicilia, supportato anche dal nucleo SAPR (Droni) Regionale Sicilia del Comando di Palermo.

Il rinvenimento è avvenuto ieri, domenica 27 ottobre, a circa 350 metri a valle del ponte Federico II, a una distanza ci circa 8 metri dalla riva sinistra. Dopo il recupero, la salma è stata trasferita in obitorio, per l’ispezione cadaverica.

Foto