Avete mai sentito parlare dei Sanfurricchi? Si tratta di particolarissime caramelle fatte esclusivamente con il miele, che si sciolgono in bocca. Per assaggiarle dovete andare a Sortino, in provincia di Siracusa, meglio nota come “città del miele”. I Sanfurricchi vengono ancora oggi preparati secondo l’antica ricetta tradizionale, tramandata da una generazione all’altra e realizzata da Marco Giunta, discendente della storica famiglia Caruso.

Il procedimento prevede la cottura del miele in una quarara, cioè una pentola di rame e stagno, fino a ebollizione. Il miele cotto viene quindi versato su un piano di marmo oleato, dove viene lavorato con una spatola. A questo punto ha inizio il momento più scenografico: il miele viene battuto attorno a un chiodo, fino a quanto non cambia il suo colore e da bruno diventa dorato.

Alla fine viene tagliato in caramelle e gustato da grandi e piccini.

I Sanfurricchi sono solo un esempio dei dolci tipici di Sortino. Tra questi vi sono anche i piretti, cioè biscotti duri di farina e miele con una mandorla dentro, e le sfingi (o sfinci), a base di pasta lievitata e fritta e condite con il miele crudo. Molto noto è anche il liquore chiamato Spiritu ri fascitrari, prodotto tramite distillazione dell’acqua che deriva dallo scioglimento della cera.

Articoli correlati