Esiste un legame tra la Sicilia e la famiglia Versace? A quanto pare sì. Quel legame passerebbe dalle Isole Eolie e da Lipari. La storia è venuta fuori in relazione al nuovo libro di Santo Versace, “Fratelli. Una famiglia italiana“.

Santo Versace, la storia della nonna di Lipari

Non è inusuale imbattersi nei racconti di personaggi famosi che, in un modo o nell’altro, si collegano alla Sicilia. La nostra, d’altronde, è sempre stata una terra ricca di storia e storie tutte da conoscere. In questi giorni lo stilista Santo Versace sta presentando il suo nuovo libro “Fratelli. Una famiglia italiana” e, con l’occasione, è venuto fuori un aneddoto poco conosciuto.

La nonna Maria sarebbe stata una Bertè di Lipari, ma non solo: “Oltre alla nonna, se si legge il mio libro si scopre che mio nonno Giovanni Battista Olandese è stato mandato al confino a Lipari“. Un racconto che, fino a oggi, non era mai venuto fuori e sul quale vige un po’ di mistero, soprattutto perché sull’Isola delle Eolie non ci sono conferme in merito a questa parentela.

A fare un po’ più di luce su questa storia è il Giornale di Sicilia, che riporta un commento di Luca Del Bono, patron dell’Hotel Carasco e imprenditore italo-inglese di origine eoliana: “I Versace – spiega – mi hanno accolto 20 anni fa a casa loro. La nonna era di Lipari, la signora Maria Bertè. Conobbe il padre di Reggio a Messina quando erano giovani. Che bella storia e che bei ricordi”.

Sebbene a Lipari ci siano dei Bertè, nessuna certezza al momento arriva dalle Isole Eolie. Quel che è certo è che si è subito creata tanta curiosità intorno a questa notizia. Ugo Bertè, consigliere comunale, commenta con ironia: “Spero che la parentela con i grandissimi Versace possa esserci verosimilmente e magari un giorno posso anche essere uno degli eredi”.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia