Ritorna anche quest’anno l’appuntamento con la Scala Infiorata di Caltagirone (CT), omaggio alla Madonna Maria SS. di Conadomini, compatrona della città. Migliaia di vasi, con piante e fiori dalle infinite sfumature di colore, formeranno un unico, grandioso disegno.

Da un anno all’altro il disegno varia e adorna la celebre scala di Santa Maria del Monte, composta da 142 gradini, decorati con mattonelle in maiolica.

La Scala Infiorata di Caltagirone

La Scala Infiorata di Caltagirone si può ammirare nella sua interezza dal 29 maggio al 2 giugno 2019, da piazza Municipio e dalla via Principe Amedeo. Lo spettacolo è unico nel suo genere, insieme alla particolare Luminaria, la scala illuminata, nelle giornate del 24 e 25 luglio e 14 e 15 agosto.

Ad allestire ogni anno la Scala infiorata di Caltagirone è il servizio comunale Verde Pubblico. I disegni sono spesso frutto del lavoro del personale comunale, a volte anche dei privati cittadini. Il fatto che rimanga allestita per oltre un mese consente di programmare una visita a Caltagirone, nota per le sue ceramiche. Un modo perfetto per celebrare la primavera.

La Scala di Santa Maria del Monte è un capolavoro di arte, architettura e folklore. Questi 142 scalini racchiudono tutta l’essenza dell’artigianato e della maestria locale.

Nel 1600 Caltagirone si trovava su falde collinari, e il nucleo più nuovo (dove risiedeva il potere civile) aveva la necessità di essere unito a quello antico, sul quale sorgeva il centro religioso (la Chiesa Madre).

Nella metà del 1800 le varie rampe vennero unificate. Nacque così una scalinata rettilinea, su progetto dell’architetto Salvatore Marino. I gradini divennero 142. In tempi più recenti, cioè nel 1956, si decise di aggiungere alla maestosità della scala un ‘vezzo’ decorativo e artistico.

La foto in evidenza è di Luigi Nifosì