Una storia d’amore che finisce malissimo. Lui, 21 anni, ha lasciato lei, trans di 30 anni. Entrambi sono peruviani irregolari in Italia. Alla fine c'è stato un duplice accoltellamento in quel di Milano. La coppia si era separata da qualche tempo, dopo una convivenza nella casa di lei. La trans, ancora innamorata, non riusciva ad accettare la fine della storia. Dopo aver provato a seguirlo e a convincerlo in ogni modo a tornare insieme, fingendosi un’estranea ha risposto a un annuncio su un social network, con cui lui offriva prestazioni sessuali in cambio di soldi.

Lui ha accettato e all’appuntamento, nella casa che il 21enne condivide con due altre persone, si è presentata in modo da non essere riconosciuta dall’ex. Subito ha avuto inizio l’approccio sessuale ma, nel corso del rapporto, il 21enne si è accorto di avere di fronte la sua ex. Istantanea la lite. Tra le urla, la 30enne ha impugnato un coltello e ha colpito il 21enne al ventre, riducendolo in fin di vita. Nonostante fosse quasi esanime, il ragazzo ha preso in mano un coltello ferendo alle spalle la trans.  

Quando ha fatto irruzione nella notte, la polizia ha trovato lei disperata. Accanto il coltello con cui ha quasi ammazzato il suo amato. In codice giallo è stata trasportata all’ospedale. Il 21enne, invece, era in casa, riverso in una pozza di sangue: è stato operato d’urgenza al San Raffaele perché la coltellata ha raggiunto il fegato. Ora è ricoverato nel reparto di rianimazione in prognosi riservata.