Il sindaco di Gela Domenico Messina ha emanato un'ordinanza che destina al naturismo ben 6 chilometri di spiaggia, nel tratto compreso tra la foce orientale del canale Scolmatore e il fiume Dirillo. L'argomento, in realtà, non è nuovo da queste parti: nella stessa zona, infatti, negli anni Cinquanta aveva destato grande clamore il cosiddetto "Village Magique", oasi internazionale realizzata da un editore francese per le lettrici in vacanza. 

Non vogliamo alimentare nessuna polemica di carattere moralista – ha commentato il sindaco di Gela – e' nostra intenzione solo intercettare un segmento di turismo per promuovere le spiagge dorate decantate persino dal Nobel Quasimodo. Sono 20 milioni i naturisti in Europa con sole 600 strutture tra campeggi e villaggi che rispondono a questo tipo di domanda turistica. Con uno dei lidi naturisti piu' consistenti del Mediterraneo, Gela e' pronta a conquistare anche questa fascia di mercato. Trascurare un fenomeno in aumento come questo sarebbe un atto di irragionevolezza politica, oltre che culturale.

Le reazioni di fronte alla nuova ordinanza che ha autorizzato la spiaggia naturista non hanno tardato ad arrivare: sarà comunque l'arrivo dell'estate a dare idea della risposta in termini di partecipazione.