La pressione fiscale in Italia è da più parti ritenuta insostenibile. Del resto quel 64,8% di cui ha parlato "Il Sole 24 ore" grida quasi vendetta. Ma ci sono alcuni posti nel mondo che sono un Paradiso, e non nel senso spregiativo di "paradiso fiscale". A circa 200 km da Milano, ad esempio, il Canton Svitto, in Svizzera, sta pensando a una svolta epocale. 

Il 25 settembre prossimo, infatti, si terrà un referendum che mira a introdurre una flat tax del 5,1%. Si tratta in soldoni, di meno di un quarto rispetto alla più bassa delle aliquote italiane (il 23%, per chi guadagna meno di 15 mila euro l'anno). Il dettaglio forse più clamoroso è che il referendum ha scatenato un putiferio: da quelle parti parecchi pagano ancora meno. Sul "Corriere del Ticino" si legge:

"Secondo la maggioranza che ha approvato la Flat Rate Tax l'attrattività fiscale del Cantone non viene penalizzata. C'è però, sul fronte opposto, chi ritiene che il conto dell'operazione sarà fatto pagare alla classe media. Per ammortizzare il maggior carico fiscale, le deduzioni sociali a favore dei single verranno aumentate da 10.000 a 13.200 franchi e per le coppie sposate da 20.000 a 26.400 franchi".