Un bengalese di 30 anni è stato arrestato per aver tentato di violentare due ragazze minorenni adescate a una fermata dell'autobus. Il giovane, incensurato e residente in Campania, è finito ai domiciliari. Adesso è indagato dalla Procura della Repubblica per i reati di atti osceni in luogo pubblico, adescamento di minori e tentata violenza sessuale. 

I fatti risalgono ad alcuni giorni fa, quando due ragazzine del posto, una 17enne e la sua amica di 15 anni, si sono rivolti ai carabinieri per denunciare le esecrabili "attenzioni". Le due ragazzine hanno raccontato che l'uomo si è avvicinato a loro con un pretesto e di aver tentato diverse volte di palpeggiarle al seno e di baciarle sulle bocca. E che infine si è abbassato i pantaloni davanti a loro e avrebbe iniziato a masturbarsi. In preda al panico, le due ragazzine sono scappate verso casa, mentre l'uomo si è dato alla fuga. 

Il magistrato ha disposto la misura cautelare domiciliare e non in carcere, non avendo l'arrestato precedenti specifici e in attesa di maggiori riscontri dalle indagini.