La tratta ferroviaria Noto-Pachino verrà riattivata. Diventerà un itinerario turistico-culturale consentendo di poter raggiungere Marzamemi, San Lorenzo, Vendicari, Pachino e Noto in treno.

Nuova vita per la tratta ferroviaria Noto-Pachino

Nuova vita la tratta ferroviaria che collega Noto a Pachino. Il percorso, in disuso da 35 anni, rinasce come itinerario turistico e culturale. Un progetto possibile grazie alle risorse per l’attuazione degli interventi del Piano di Investimenti Strategici su siti del patrimonio culturale, edifici e aree naturali (nell’ambito del Piano Nazionale per gli investimenti complementari al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – Pnrr).

Tra gli interventi beneficiari di finanziamento, per i quali è stata stanziata una somma complessiva di 62 milioni di euro c’è proprio la linea Noto-Pachino.

Una suggestiva tratta per scoprire in treno la Sicilia

La tratta ferroviaria è stata costruita tra la fine dell’Ottocento e l’inizio degli anni Trenta, ma poi chiusa definitivamente nel 1986. Dopo gli interventi offrirà la possibilità di visitare il Val di Noto e luoghi splendidi come Marzamemi e Vendicari, oltre ovviamente alle due città capolinea.

Si tratta, in dettaglio, del recupero della tratta di circa 27 chilometri, avviato insieme ad altre due linee siciliane (la Agrigento Bassa-Porto Empedocle e la Alcantara-Randazzo). La ferrovia Noto-Pachino a binario unico, parte come diramazione dalla stazione di Noto, deviando dalla linea Siracusa-Ragusa.

Oggi la linea è per gran parte armata, anche se le stazioni lungo il suo percorso (Falconara Iblea, Noto Marina, Noto Bagni, Roveto-Bimmisca, San Lorenzo Lo Vecchio, Marzamemi e Pachino) si trovano praticamente in stato di abbandono.

Lungo il percorso ci sono anche opere ingegneristiche, come il ponte a tre luci sul Fiume Tellaro, lungo 180 metri, o il tratto che corre in trincea tra Roveto e Vendicari, la piattaforma girevole da 10 metri nella stazione di Pachino. I tempi previsti per la riattivazione della linea sono di tre anni. Foto: Andrea SchafferLicenza.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati