Apre al pubblico martedì 14 giugno la mostra “Umiltà e splendore. L’arte nei conventi cappuccini del Valdemone tra Controriforma e Barocco“, ospitata nei due piani del Palazzo Ciampoli di Taormina. Si potrà visitare gratuitamente fino al 14 settembre.

L’arte dei conventi cappuccini a Taormina

L’esposizione è organizzata e prodotta dal Parco Archeologico NaxosTaormina, in collaborazione con la Soprintendenza dei Beni Culturali di Messina e promossa dalla Provincia dei Frati Minori Cappuccini di Messina e dall’associazione Intervolumina. L’inaugurazione è in programma il 13 giugno (questo evento è riservato a giornalisti e addetti ai lavori).

Le opere incluse nel percorso espositivo di Palazzo Ciampoli sono una trentina. Tra i punti di forza, la presenza di cinque grandi pale d’altare, di non facile movimentazione, che provengono dalle chiese cappuccine di alcuni centri collinari della Sicilia nordorientale e dall’entroterra etneo.

Per la prima volta si potrà consentire al pubblico di apprezzare attraverso un approccio ravvicinato queste opere straordinarie. Solitamente, infatti, sono visibili a distanza e con l’inevitabile filtro di altari e tabernacoli lignei, che ne impediscono una visione integrale.

Le opere in esposizione

Tra le tele eseguite da artisti di fama internazionale per i cappuccini del Valdemone, grazie alla mediazione dei generali dell’Ordine e alla munificenza del ceto aristocratico siciliano del tempo, spiccano la preziosa “Madonna degli Angeli con San Francesco e Santa Chiara“. Questo quadro, dipinto da Scipione Pulzone nel 1588 per la chiesa di Mistretta, è cruciale per i contenuti della manifestazione e modello iconografico che incarna i dettami della Controriforma.

Molto importante anche la scenografica “Trasfigurazione” realizzata per i Cappuccini di Randazzo, nella prima metà del Seicento, dal pittore parmense Giovanni Lanfranco, tra i più noti esponenti della pittura barocca italiana.

Si segnala inoltre il caso della “Madonna degli Angeli e Santi francescani” del Convento di Pettineo, realizzata nel 1722 dal pittore fiammingo Guglielmo Borremans e restituita al pubblico dopo un lungo restauro. Il restauro, per la gioia degli studiosi, ha svelato anche la firma autografa e la data di realizzazione sinora nascoste dalla imponente cornice.

Le sezioni espositive della mostra sono quattro. Le prime tre sono scandite da scelte iconografiche caldeggiate dall’Ordine (la natura umana e divina di Cristo; la Madonna degli Angeli; figure di santi e sante cari ai frati cappuccini siciliani: San Francesco, Santa Caterina d’Alessandria e poi le popolarissime Sant’Agata e Santa Lucia).

La quarta sezione è dedicata ai frati Umile e Feliciano da Messina, al secolo rispettivamente Jacopo Imperatrice e Domenico Guargena: entrambi frati cappuccini ma con una formazione artistica di alto spessore essendo cresciuti nelle botteghe del pittore caravaggesco Alonso Rodriquez e del fiammingo Abramo Casembrot, maestri indiscussi della pittura del Seicento a Messina. In mostra anche una preziosa selezione di volumi appartenenti al fondo antico della Biblioteca dei Cappuccini di Messina e coevi ai materiali artistici.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati