Nei proverbi siciliani si nascondono grandi verità. La saggezza popolare, sin dai tempi più antichi, ha utilizzato i modi di dire per fornire utili consigli e "dritte" da applicare alla vita di tutti i giorni. Grazie alla facilità di memorizzazione, i proverbi sono stati tramandati da una generazione all'altra: tanti li hanno sentiti dire ai propri nonni, poi ai genitori, tramandandoli ai figli e ai nipoti.

Esiste un proverbio adatto a ogni occasione: dal matrimonio, al lavoro, dalla fortuna alle festività, c'è sempre una frase adatta, in grado di regalare un sorriso o di fare riflettere.

Oggi abbiamo pensato di raccogliere e suggerirvi 10 proverbi che rivelano grandi verità: piccole perle di saggezza, che vi possono tornare utili. Si tratta soltanto di una minuscola parte dell’enorme patrimonio in termini di proverbi siciliani: diteci nei commenti qual è il vostro preferito.

I proverbi siciliani per la vita di tutti i giorni

‘A megghiu parola è chidda ca ‘un si dici.

(La miglior parola è quella che non si dice)

 

Cu’ perdi un amicu, scinni un scalino.

(Chi perde un amico, scende di uno scalino)

 

Voi sapiri qual’è lu megghiu jocu? Fà beni e parra pocu.

(Vuoi sapere qual’è il miglior gioco? Fai del bene e parla poco)

 

Cu’ s’ammuccia soccu fa, è signu chi mali fa.

(Chi nasconde quel che fa, vuol dire che male fa)

 

Acqua, cunsigghiu e sali a cu n`addumanna `n ci nni dari.

(Acqua, consiglio e sale non darne a chi non te ne chiede.

 

Geniu fa biddizza.

(Intelligenza fa bellezza)

 

U bonu no vali cchiù di nu tintu sì.

(Il no detto con grazia vale più del sì detto sgarbatamente)

 

Li guai di la pignata li sapi la cucchiara.

(I guai della pentola li conosce il cucchiaio)

 

Lu Signuri duna viscotta a cù nun havi anghi.

(Dio dona biscotti a chi non ha i denti)

 

Nun ludari la jurnata si nun scura la sirata.

(Non lodare la giornata se non è passata la serata)