Nella Cattedrale di Maria Santissima Annunziata di Acireale è stata rinvenuta una cripta con un pregevole affresco che ritrae Gesù crocifisso, un giovane con gli occhi aperti, sguardo sereno e anime purganti avvolte dalle fiamme.

Lo studio storico – architettonicio è stato condotto dall’architetto Paolo Bella che hanno interessato lo spazio più nascosto dell’intero edificio monumentale, che occupa quella che in origine era un’area cimiteriale.

Creata l’apertura, è stato possibile accedere alla cripta ed ammirare l’affresco. Il vano si presenta in buono stato conservativo, sia per quanto riguarda gli intonaci, che la struttura muraria, come anche i colatoi.

Si è potuti accedere alla cripta dopo aver rimosso una porzione della pavimentazione giovedì scorso, 20 gennaio, dopo aver ottenuto le autorizzazioni dagli Uffici di Curia e dalla Soprintendenza di Catania, alla presenza dell’arch. Paolo Bella, del Parroco don Mario Fresta, dell’arch. Antonio Caruso e dei restauratori Gianluca Musumeci e Carmelo Calvagna.

“Si tratta – ha sottolineato una nota della Diocesi di Acireale – di una scoperta non indifferente che dimostra quanto il sottosuolo sia ricco di opere e manufatti ancora celati. Sono ancora in corso lavori di studio e messa in sicurezza del sito per datare quanto venuto alla luce”.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati