Addio ai minibar in hotel. Di fatto per gli albergatori sono un costo aggiuntivo che spesso non riescono a sostenere. Il problema riguarda il costo del personale. In tanti lamentano il fatto di dover assumere qualcuno solo perché controlli le consumazioni dal minibar per poi riportarle all'amministrazione, che provvederà a stornarle sul conto dell'ospite.

L'idea di eliminare i minibar arriva dalla Germania, dove tantissime strutture li stanno "rottamando". Di fatto in un primo momento si è passati da una riduzione delle misure: prima c'erano quelli da 60 litri, poi si è passati a quelli da 40, per poi finire con quelli da 20. Adesso anche questi saranno rimossi. E gli albergatori sostengono che spesso le consumazioni da parte dei clienti non vengono pagate.

I clienti, infatti, lascerebbero l'albergo senza pagare il conto aggiuntivo. Un conto che viene ignorato da circa il 20% degli ospiti delle strutture, facendo di fatto lievitare i costi di gestione per gli alberghi. In più, quando l'addetto ai frigobar non rileva per errore una consumazione è difficile che questa venga dichiarata dal cliente. Insomma, un giro di vite turistico che dalla Germania potrebbe presto allargarsi ad altri paesi europei.