Le filastrocche di Carnevale siciliane più belle.

  • Quando arriva il mese di febbraio, arriva anche la festa più colorata e, per tradizione, più folle.
  • Il periodo del Carnevale in Sicilia è tradizionalmente un momento di tradizioni da condividere.
  • Non possono mancare, naturalmente, le filastrocche in siciliano: scopriamole insieme.

Non è una vera festa, se non ci sono le filastrocche siciliane. Anticamente era praticamente obbligatorio festeggiare le ricorrenze accompagnandole con le filastrocche corrispondenti. Si tratta di una gran bella eredità del passato che, ancora oggi, ci racconta com’era la Sicilia e ci aiuta a scoprire qualcosa che ancora non conosciamo. Le antiche filastrocche siciliane di Carnevale sono davvero interessanti. Parlano, anzitutto, di cibo, scherzano in modo pungente e fanno riferimento al vino. Diciamoci la verità: alcune di esse sono anche un po’ cattivelle, ma siamo certi del fatto che lo siano senza malizia. Se oggi possiamo farvi conoscere queste filastrocche in siciliano, dobbiamo dire grazie a Nando Cimino, che le ha raccolte per noi. Questo è un bellissimo modo per conoscere la Sicilia e la sua anima più folkloristica.

Filastrocche in siciliano per Carnevale

  • Veni Carnalivari
    stufatu s’avi a fari
    sasizza e maccarruna,
    cannati e buttighiuna;
    e si nun cc’è dinari
    li stissi mogghi
    si vannu a ‘mpignari.

 

  • Stasira un vi scurdati di ririri e manciari
    picchi a menzannotti finiu carnalivari;
    trippiati e un vi firmati puru si un putiti,
    ca dumani e la Quaresima e ppò vi nni pintiti.

 

  • Fimmini curriti ca è carnalivari,
    lu nannu cu la nanna su pronti p’abballari;
    cc’è lu tistamentu ci su li carruzzati
    e cu è ca avi sordi inchissi li pignati.

 

  • È Carnalivari, susiti a matinu
    pigghia lu ciascu
    e v’accatta lu vinu.

 

  • Beddu cannolu di carnalivari megghiu muccuni o munnu nun cc’è,
    su biniritti li spisi dinari ogni cannolu è scettrru di rre.
    Vannu li fimmini a disirtari si a lu disiu iddu nun ccè;
    cu nun ni mancia si issi ammazzari a cu nun ci piaci curnutu è!

Articoli correlati