La filastrocca siciliana di Santa Lucia.

  • Facciamo un salto indietro nel tempo, con una antica filastrocca raccontata dalle nonne.
  • Si tratta di una via di mezzo tra la preghiera e la poesia, dedicata al 13 dicembre e alla Festa di Santa Lucia.
  • Continua il viaggio alla scoperta delle tradizioni della Sicilia.

Quando arriva il 13 dicembre, si rinnova un appuntamento molto importante. La Festa di Santa Lucia in Sicilia unisce il sentimento religioso con quello di attaccamento ai propri luoghi. Se, infatti, da una parte si ricorda il miracolo della Santa, dall’altra si rispettano tradizioni locali che passano anche dalla tavola e da tanti piccoli e preziosi gesti. Per conoscere meglio questa festività, vi proponiamo una antica filastrocca siciliana: Lu Miraculu ri Santa Lucia. Una nonna racconta alla nipotina la storia del miracolo: buona lettura!

Lu Miraculu ri Santa Lucia

Mi rissi me nanna, quann’era nica:
“Ora ti cuntu ‘na storia antica”.
‘Ncapu li ammi mi fici assittari
e araciu araciu si misi a cuntari. “Ci fu ‘na vota, a Siracusa
‘na caristìa troppu dannusa.
Pani ‘un cinn’era e tanti famigghi
‘un n’arriniscìanu a sfamari li figghi.
Ma puru ‘m mezzu a la disperazioni
‘un ci mancava mai ‘a devozioni
e addumannavanu a Santa Lucia
chi li sarvassi d’a caristìa.

‘U beddru jornu arrivau di luntanu
rintra ‘u portu siracusanu
‘na navi carrica di frummentu
a liberalli ri ‘ddru turmentu.
Pi li cristiani la gioia fu tanta
chi tutti vuciavanu ‘viva la Santa!’,
picchì fu grazi a la so ‘ntercessioni
ch’avìa arrivatu ‘ddra binirizioni.
Tutti accurrìanu a la marina,
ma era frummentu, ‘un n’era farina
e cu ‘u pitittu ch’un facìa abbintari
‘un c’era tempu di iri a macinari.

Pi mettisi subitu ‘n’sarvamentu
avìanu a cociri lu stessu frummentu
e pi la forma ‘a coccia’ ch’avìa
accuminciaru a chiamalla ‘cuccìa’.
La bona nova arrivau luntana
e pi sta màrtiri siracusana
fu accussì ranni la venerazioni
chi fici nasciri ‘na tradizioni.

Passau lu tempu d’a caristìa
e arristau l’usanza pi Santa Lucia:
d’un fari pani, d’un cociri pasta,
e di manciari la cuccìa e basta.
Ma lu sapemu, ci voli picca
e l’usanza di scarsa addiventa ricca.

A ognunu ci vinni la bedda pinzata
di priparalla chiù elaborata.
Cu ci mittìa ‘u biancumanciari
e cu vinu cottu ci vosi ammiscari.
Cu ci vulìa ‘u meli ri ficu
e tanti autri cosi, chi mancu ti ricu.

Ma jò vulissi sapiri, a la fine,
di runni spuntaru ‘sti beddre arancine?
E m’addumànnu di quali manu
nasceru panelli e risu a tianu?” E a mèntri chi me nanna si sfirniciàva,
a mia ‘u stommacu mi murmuriava
e mi ricordu chi c’avissi rittu: “Me nanna, zittuti ch’haiu pitittu!

di Claudia Agnello

Articoli correlati