Alla scoperta delle dimore nobiliari di Palermo.

  • Il Festival RestART apre le porte di Palazzo Alliata di Villafranca in modo inedito.
  • I fastosi saloni barocchi ospitano una inedita visita teatralizzata.
  • Il racconto sarà incentrato sulla figura del pittore Antoon van Dyck e su una tela custodita nell’edificio.

Il centro storico di Palermo riserva infinite sorprese. Basta alzare un po’ lo sguardo per ammirare balconi e facciate che hanno molto da raccontare. Ci si chiede cosa si celi dietro quelle finestre, quali siano i segreti delle dimore nobiliari e di chi vi ha soggiornato, anche solo per un breve periodo. Tra gli edifici più interessanti vi è sicuramente Palazzo Alliata di Villafranca, che costituisce uno dei quattro lati della scenografica piazza Bologni. Per conoscerne i segreti in modo inedito e spettacolare, il Festival RestART propone una visita teatralizzata incentrata sulla figura del pittore Antoon van Dyck. Due le occasioni per partecipare: venerdì 23 luglio e venerdì 6 agosto, sempre alle ore 19,30. Per prenotare e per tutte le informazioni, potete cliccare qui o sul box che trovate alla fine dell’articolo. Scopriamo insieme qualche dettaglio in più.

Visite teatralizzate a Palazzo Alliata di Villafranca

“Palazzo Alliata di Villafranca: Antoon van Dyck e la peste del 1624″ rientra nell’ambito del Festival RestART che, nei weekend fino al 28 agosto (venerdì e sabato) apre i luoghi più suggestivi di Palermo, eccezionalmente in notturna, e propone tanti eventi speciali (per saperne di più, potete cliccare qui). A Palazzo Alliata, insieme alle guide, i visitatori potranno scoprire il concitato evolversi delle vicende che portarono l’artista fiammingo a dipingere una preziosa tela custodita nella dimora nobiliare, conoscendo ciò che si cela dietro ogni dettaglio. Si tratta di una storia che si tramanda da quasi quattro secoli. Il pittore van Dyck soggiornò a Palermo nel 1624, un anno passato alle cronache per la grande peste e per il miracolo di Santa Rosalia. Foto: Elisauer –  CC Attribution-Share Alike 4.0 International.

Articoli correlati