Come ammirare la città di Palermo dall’alto.

  • Cupola di Santa Caterina, la vista più spettacolare sul capoluogo.
  • Ecco perché si tratta di un’esperienza da fare almeno una volta nella vita.
  • Con il Festival RestART, nei weekend estivi si può ammirare questo panorama in notturna.

Esistono molti modi per scoprire Palermo, ma uno dei migliori è ammirarla dall’alto. Dai punti panoramici della città, infatti, si gode di una vista privilegiata sui tetti, sui campanili e, andando ancora oltre con lo sguardo, si può arrivare alla corona delle montagne circostanti e fino alla linea dell’orizzonte del mare. La Cupola di Santa Caterina, che svetta sul Monastero di Santa Caterina d’Alessandria, rappresenta la vista più spettacolare. Un vero e proprio giro a 360° sul centro storico e ancora oltre. Un viaggio per gli occhi e per lo spirito che inizia, anzitutto, con l’osservazione di un vero gioiello del capoluogo: piazza Pretoria con la sua celebre fontana. Durante i fine settimana (venerdì e sabato) del mese di luglio e di agosto, il Festival RestART offre la possibilità di godere di questa vista in notturna, a partire dalle ore 19 e fino a mezzanotte (ultimo ingresso alle ore 23,30). Una proposta da prendere al volo (è proprio il caso di dirlo!): vi spieghiamo perché.

Cupola di Santa Caterina: magiche atmosfere sulla città

Entrare al Monastero di Santa Caterina è un’esperienza dello spirito. Si ha l’impressione di addentrarsi in un mondo parallelo, quieto e silenzioso. Fuori c’è la vivacità del centro storico di Palermo, la sua vita che non riposa mai, le sue luci e i suoi colori. Dentro si trova un’atmosfera intima e mistica, che passa da luoghi riservati e affascinanti. Si scopre l’antica vita delle monache di clausura, si osservano le magnificenze del monastero e si sale fino alla Cupola di Santa Caterina, dove si assiste a uno spettacolo senza eguali: ecco quale.

Come abbiamo anticipato, si ammira anzitutto piazza Pretoria, con la sua fontana, ma c’è molto altro. Si può guardare al mare o decidere di scrutare con lo sguardo le cupole e i gioielli architettonici. Mettetevi alla prova, cercando di riconoscere gli edifici più famosi. Si possono scattare foto davvero uniche e portare un’esperienza indimenticabile nel cuore. Per prenotare la vostra visita con RestART Palermo, potete cliccare qui o nei box sottostanti. Non dimenticate di visitare anche il Monastero, incluso anch’esso tra le aperture del Festival. Foto: Luisa Cassarà.

Articoli correlati