La magia dell’Argimusco, al chiaro di luna piena, con le lanterne. Queste le premesse per la passeggiata in programma domenica 15 settembre, a partire dal tramonto. Ai partecipanti verrà consegnata una lanterna, da utilizzare per tutto il percorso, della durata di circa due ore. Si potrà approfittare delle luci del tramonto, prima, cui seguiranno quelle della luna piena.

Nel frattempo, verranno illustrate le caratteristiche e la storia delle Rocche, ma ci sarà spazio anche per alcune notizie di carattere astronomico. L’appuntamento è fissato per le 18,30-18,45 nei pressi dell’ingresso, dove si trova un cancello in legno.

La prenotazione è obbligatoria, via email all’indirizzo info@archeoastronomia.com: bisogna indicare nome, cognome, numero di persone, telefono e luogo di provenienza.

La visita verrà realizzato per un massimo di 25 persone. Il percorso è pianeggiante, con una lunghezza di circa 1,6 chilometri tra andata e ritorno. Si consiglia un abbigliamento adatto a un’escursione in montagna (scarpe da trekking e giubbino). Qui trovate ulteriori dettagli.

L’Argimusco, un prezioso patrimonio

L’Argimusco è un altopiano che si trova poco a nord dell’Etna, all’incirca al confine tra i monti Nebrodi e i Peloritani. È diviso amministrativamente tra i comuni di Montalbano Elicona, Tripi (che sorge sul sito dell’antica Abacaenum) e Roccella Valdemone.

L’altopiano è molto panoramico in quanto si possono ammirare da vicino l’Etna, le isole Eolie, le curiose montagne Rocca Salvatesta e Montagna di Vernà, capo Tindari, capo Calavà e capo Milazzo. Esso è parte della Riserva naturale orientata Bosco di Malabotta.