• Azzizzare cosa significa e come si usa.
  • L’origine di un bellissimo verbo siciliano, che assume significati molteplici.
  • Una parola siciliana da scoprire, ecco perché.

Il viaggio alla scoperta della lingua siciliana e delle sue parole più belle, ci porta oggi a conoscere da vicino un verbo molto particolare. Questo verbo siciliano viene citato spesso e volentieri, nei contesti più disparati. É una di quelle parole siciliane con tanti significati che, a seconda delle occasioni, può trasformarsi: Azzizzare.

Sapete che molte parole in siciliano sono come dei camaleonti? Rimangono identiche, ma mutano significato per adattarsi ai contesti. Questo è soltanto uno degli infiniti aspetti che rendono il siciliano, una lingua antichissima e preziosa, molto affascinante.

Azzizzare cosa vuol dire?

Avrete sicuramente sentito o utilizzato il verbo azzizzàre. Se non l’avete mai sentito, allora vi siete persi qualcosa di molto interessante! Il primo significato è quello più strettamente connesso alla sua origine: “vestirsi eleganti“. Un po’ come “mettersi in tiro”, “farsi belli” per una qualche occasione speciale. Immaginate di dover andare a un appuntamento galante o a un incontro importante: ecco, in quel caso dovreste azzizzarvi per bene.

Il verbo deriva dall’aggettivo “zizzu“, cioè “elegante”. A sua volta, l’origine è nell’arabo “aziz”, che significa “caro”, “prezioso”, “splendido”. Se aziz vi suona familiare, avete fatto centro: da questa parola araba, infatti, deriva anche il nome della Zisa, il celebre e bellissimo castello che si trova a Palermo.

Il palazzo della Zisa (dall’arabo al-ʿAzīza, ovvero “la splendida”) sorgeva fuori le mura della città di Palermo. Michele Amari che, nella sua Storia dei musulmani di Sicilia, ne parlava così: «Guglielmo … rivaleggiando col padre … si mosse a fabbricare tal palagio che fosse più splendido e sontuoso di que’ lasciatigli da Ruggiero. Il nuovo edifizio fu murato in brevissimo tempo con grande spesa e postogli il nome di al-ʿAzîz, che in bocche italiane diventò «la Zisa» e così diciamo fin oggi».

Da un palazzo a una persona, il passo è breve. In realtà, esiste anche un altro significato per il verbo azzizzare. Ci sono parti della Sicilia viene inteso come “arrangiarsi” o “arrangiare“, “darsi da fare”, “trovare una soluzione”. In questo caso, potreste sentire dire una frase come: “La finestra era rotta e l’ho azzizzata come potevo”. Equivale, dunque, al farsi venire un’idea.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati