È morto a Roma Alessandro De Santis, l’attore che ha interpretato il personaggio di Lillo nel film Johnny Stecchino di Roberto Benigni. La pellicola, con tante scene ambientate in Sicilia, è diventato un film di culto.

Addio Alessandro De Santis, il Lillo di Johhny Stecchino

De Santis, affetto dalla sindrome di Down, aveva 50 anni. A dare l’annuncio è stata la famiglia, che ha anche riferito che i funerali si terranno domani, nella chiesa di San Frumenzio, a Roma.

Tutti ricordano l’attore Alessandro De Santis per il personaggio di Lillo nel film Johhny Stecchino, accanto a Roberto Benigni. Molto famosa la scena, che fece discutere al punto di essere censurata nella versione del film uscita negli Stati Uniti, in cui il protagonista Dante (Benigni), ingenuamente dà della cocaina all’amico Lillo, convinto di fornirgli un rimedio per il diabete.

“Abbiamo ricevuto anche una lettera di cordoglio da Benigni e questo ci ha molto colpito”, hanno riferito i familiari di De Santis. Johnny Stecchino è un film del 1991 diretto e interpretato da Roberto Benigni. In seguito all’uscita del film fu scritto anche un romanzo omonimo da Benigni e Vincenzo Cerami che fu pubblicato lo stesso anno.

L’idea su cui si basa la trama della pellicola è quella un perfido personaggio condannato a morte che vuole sfruttare la somiglianza con uno sventurato sosia per salvarsi la pelle mettendo in atto un complicato ma diabolico piano che alla fine viene sventato dagli stessi complici.

Nel momento in cui è uscito, il film ha riscosso molto successo. Merito della comicità e delle gag tipiche della “commedia degli errori”, che vedono protagonista Roberto Benigni e gli altri personaggi. Dante, nella pellicola, è molto amico di Lillo, che è uno dei ragazzi che accompagna a bordo del pulmino di cui è autista. Le scene girate a Palermo, in celebri location, sono diventate a tutti gli effetti di culto.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati